Post di Brian Trautman di SV Delos

Quando stavo crescendo, ho sempre voluto essere un ingegnere ferroviario o un pilota di linea.

Mi sentivo attratto dalle macchine gigantesche e dagli aerei. La potenza smisurata che una locomotiva diesel o un aereo a reazione potevano produrre mi affascinava. Se era veloce e mi permetteva di volare nell'aria, volevo farlo.

Vivevo in uno stato senza sbocchi sul mare e passavo la maggior parte del mio tempo su moto da cross che correvano nella foresta. Eppure, da qualche parte lungo la strada, mi sono imbattuto in un libro che ha portato la mia attenzione dall'essere un pilota a fare qualcosa che non avevo mai nemmeno sognato: diventare il capitano della mia barca a vela. 

Era il 2001 e lavoravo come ingegnere del software alla Microsoft. Ero entusiasta di aver ottenuto un ruolo così importante e ho lavorato duramente per costruire la mia reputazione nel settore.

All'età di 26 anni, ho deciso di avviare la mia azienda di software. Ho lavorato ore folli per far decollare l'attività, ma per fortuna il mio duro lavoro è stato ripagato e l'azienda ha avuto successo.

Allora perché mi sentivo insoddisfatta?

Avevo una bella casa in periferia e tutti gli ultimi giocattoli, ma non mi sembrava di vivere veramente. Non potevo fare a meno di pensare che c'era qualcosa di più nella vita che lavorare fino allo sfinimento. 

Si dice che quando si mette qualcosa fuori nell'universo, l'universo provvederà.

Brian Trautman di SV Delos fa skateboard. Sta afferrando la tavola + pattinando in mezzo a una strada tranviaria. La foto è in bianco e nero.
Foto per gentile concessione di SV Delos

In qualsiasi altro momento, avrei potuto passare davanti a quel libro sullo scaffale con la sua vibrante copertina blu; ma in quel particolare giorno, il libro stava chiamando il mio nome. Si intitolava 'Three Years in a 12-Foot Boat' di Stephen G. Ladd, e qualcosa mi spinse a prenderlo in prestito e a stare sveglio per metà della notte a leggere.

Ti potrebbe anche piacere:

Non avevo idea che la gente potesse attraversare gli oceani con piccole barche.

Voglio dire, sapevo che la gente navigava intorno al mondo, ma pensavo che fosse riservato ai professionisti o agli esploratori, non alle persone normali come me. Nel momento in cui ho finito l'ultima frase dell'ultima pagina, ho capito che un giorno anch'io avrei attraversato l'oceano. 

Con il mio ritrovato interesse per la vela e le barche, ho passato ogni minuto di veglia a pianificare e ossessionarmi su come uscire sull'acqua. Mi sono comprato una Catalina 22 e ho trascorso innumerevoli giorni a cazzeggiare sul lago su cui si affacciava la mia casa.

Più tardi, nel 2006, sono passato a una barca di 36 piedi, e l'anno successivo mi sono unito a un equipaggio di regata e ho partecipato a quanti più eventi potevo. Nel 2008 ero sulla buona strada per raggiungere il mio obiettivo e avevo risparmiato abbastanza soldi per acquistare Delos, uno yacht oceanico di 53 piedi, forte e capace, costruito originariamente in Francia.

Avevo sentito storie di persone che sapevano che la loro barca era 'quella giusta' nel momento in cui la vedevano. Così, quando mi sono avvicinato a Delos per la prima volta, ero convinto che mi stavo convincendo. Come poteva essere amore a prima vista se non avevo nemmeno visto l'interno della barca?

Ma di sicuro, Delos era proprio quello che stavo cercando e da quel momento siamo diventati inseparabili.

Nell'agosto del 2008, avevo venduto la mia attività, la mia casa e le mie cose.

Finalmente, io e il mio compagno eravamo pronti a salpare per quello che doveva essere un viaggio di 18 mesi. Siamo partiti da Seattle e ci siamo diretti verso il Messico, dove mio fratello Brady si sarebbe unito a noi per aiutare a consegnare Delos attraverso l'Oceano Pacifico. Quello che non sapevamo all'epoca era che Brady non avrebbe mai lasciato Delos. Ha scelto la scuola della vita invece di tornare all'università, e nove anni dopo è ancora a bordo. 

Quando abbiamo raggiunto la Nuova Zelanda, io e il mio compagno ci siamo resi conto che non eravamo più adatti l'uno all'altro e prima che me ne accorgessi, eravamo rimasti solo io e Brady sulla nave. Purtroppo, a questo punto, eravamo al verde. Così, tra noi due, abbiamo fatto il possibile per mettere insieme abbastanza soldi per un'altra stagione di navigazione.

Non molto tempo dopo, ho incontrato una viaggiatrice svedese bionda dagli occhi blu di nome Karin, che ho convinto a unirsi a noi per una navigazione a bordo di Delos. Dieci anni dopo, siamo sposati e abbiamo appena avuto il nostro primo figlio - e non abbiamo intenzione di smettere di navigare. 

Brian e Karin che si riprendono con la loro telecamera professionale.
Foto per gentile concessione di SV Delos

Mentre continuavamo la nostra avventura, ci saremmo trovati al verde in altre due occasioni.

Alla terza volta, stavamo diventando disillusi dal nostro stile di vita. Il caldo opprimente della Malesia e i disordini politici nella zona ci stavano facendo mettere in discussione tutto. Abbiamo fatto i bagagli, legato la barca e siamo tornati in Svezia per riorganizzarci.

È stato qui che abbiamo trovato la chiarezza. Abbiamo lavorato duramente per elaborare un piano che ci aiutasse a sostenere il nostro stile di vita e i nostri viaggi. Abbiamo filmato le nostre avventure per un paio d'anni, e abbiamo usato quella pausa per praticare le nostre abilità di editing.

Eravamo rinvigoriti.

Leggi il prossimo:

Quando i nostri video su YouTube hanno iniziato a guadagnare trazione, abbiamo avuto il nostro primo assaggio di come potrebbe essere il nostro futuro come creatori di contenuti per YouTube a tempo pieno.

Eravamo presi all'amo. Abbiamo creato il nostro account Patreon e in poco tempo, stavamo facendo abbastanza soldi per essere in grado di tornare in barca. 

Oggi Sailing Vessel Delos, o SV Delos in breve, ha oltre 360.000 abbonati a YouTube e 2000 sostenitori attraverso Patreon. Siamo interamente finanziati dal pubblico e facciamo abbastanza soldi per sostenere i quattro membri permanenti dell'equipaggio che abbiamo a bordo.

Eppure siamo molto più di un semplice canale YouTube.

La nostra missione è semplice: vogliamo condividere il nostro viaggio con i nostri seguaci nella speranza di ispirarli a inseguire i loro sogni.

Cerchiamo di catturare la diversità del mondo in cui viviamo e l'incredibile bellezza che ci circonda, e condividendola con il mondo, speriamo di incoraggiare gli altri a uscire dalla loro zona di comfort, perché è lì che avviene la vera magia. 

Mentre navigare intorno al mondo e guadagnarsi da vivere filmando il nostro viaggio è fantastico, è anche estremamente impegnativo. La troupe di Delos impiega 50 ore per montare un solo episodio di 30 minuti a settimana - e questo non include il tempo che passiamo a filmare.

SV Delos che naviga in mare aperto. Le vele sono alzate, l'acqua è calma e il cielo è blu
Foto per gentile concessione di SV Delos

Con l'internet affidabile che è una sfida in molte delle località che visitiamo, spesso ci ritroviamo a passare lunghe ore nei caffè e nelle biblioteche cercando di caricare i nostri contenuti. Aggiungete il marketing, la gestione dei social media, l'impegno con i follower, il merchandising e i contenuti di Patreon al mix - per non parlare del mantenimento di Delos e della navigazione verso nuove ed eccitanti destinazioni - e vedrete che guadagnarsi da vivere con YouTube non è un compito facile.

Ma il lavoro che facciamo è molto più appagante di qualsiasi posizione che abbiamo ricoperto nelle nostre vite precedenti; in più, possiamo usare il potere dei social media per aiutare gli altri.

Avventurandoci per il mondo, noi quattro abbiamo avuto la fortuna di sperimentare nient'altro che amore e gentilezza infinita. Siamo stati accolti con tanta generosità da persone che ci hanno aperto le loro case e i loro cuori. Queste persone spesso hanno così poco da dare, eppure faranno qualsiasi cosa per noi e non si aspettano nulla in cambio - tranne sorrisi e conversazioni.

Penso che restituire agli altri sia un modo di pagare in avanti. Il progetto Delos è stato possibile solo grazie alle donazioni degli altri. Più restituiamo e diffondiamo positività, più questa si diffonde in tutto il mondo. Dare è contagioso e non ha effetti collaterali, quindi questa è l'etica che cerchiamo di seguire. 

Una nuova ed eccitante iniziativa in cui siamo stati coinvolti è il Progetto di ricerca sull'oceano. Abbiamo donato denaro per acquistare attrezzature per la ricerca ambientale e la migrazione dei pesci. Forniamo anche dati a questo progetto utilizzando un dispositivo acustico di tracciamento dei pesci a bordo e inviamo i dati negli Stati Uniti per l'analisi. Dopo aver assistito agli effetti devastanti della plastica monouso sulle spiagge di tutto il mondo, siamo così felici di poter fare la nostra piccola parte per l'ambiente. 

Un altro ente di beneficenza che ci sta molto a cuore è Campo BASE, una fondazione contro il cancro specificamente mirata ad aiutare a migliorare la vita dei bambini malati di cancro. L'equipaggio di Delos ha fatto una donazione al loro Marine Fund, che si concentra sul far uscire in acqua i sopravvissuti al cancro. Abbiamo anche sponsorizzato un gruppo di bambini e i loro genitori per venire a Pampano Beach e farci visita a bordo di Delos per un fine settimana di divertimento. 

In futuro, SV Delos vorrebbe esplorare programmi di vela in tutto il mondo. Sarebbe incredibile portare in barca a vela i bambini delle aree svantaggiate, per insegnare loro l'ambiente e quanto sia importante l'oceano per la salute del nostro pianeta. L'educazione è l'unico modo in cui saremo in grado di prenderci cura della terra, e se possiamo contribuire a questo, anche in piccolo, allora questo rende il nostro viaggio ancora più utile.

Ho imparato a dare valore al tempo e alle relazioni sopra ogni cosa.

Quando ho iniziato a navigare, mi sentivo in colpa, provenendo da una vita in cui il mio tempo di veglia era nettamente segmentato in piccoli pezzi da 50 minuti, con 10 minuti in mezzo per correre alla riunione successiva.

Quando ho iniziato a vivere sulla barca a tempo pieno, il mio sistema era sotto shock.

All'inizio, mi sentivo come se dovessi sempre occuparmi di qualche compito o altro, come lavorare sulla barca, esplorare o navigare verso la prossima destinazione. Ora, anni dopo, mi ritrovo ad apprezzare la bellezza del non fare nulla. Ho imparato che non ha assolutamente senso se non ti stai godendo dove sei ORA con le persone che sono più importanti per te nella vita.

L'equipaggio SV Delos accanto a un gruppo di gente del posto in Brasile. Sono in un fiume in un luogo remoto, tutti sorridono e salutano dopo essersi divertiti giocando in acqua.
Foto per gentile concessione di SV Delos

Navigare per il mondo mi ha insegnato a essere più paziente e ad accettare le situazioni su cui non ho controllo. Quando la marea è contro di te, tu conoscere che alla fine cambierà e fluirà nella giusta direzione. Questo stesso principio può essere applicato a tutti i problemi della vita.

Infine, ho imparato ad apprezzare il muoversi più lentamente; e più navigo, più lentamente voglio farlo. Il tempo può sembrare che si muova così velocemente; voglio provare a rallentarlo il più possibile. Viaggiare in barca ci ha permesso di conoscere un luogo dal punto di vista dei locali. La quantità di persone straordinarie che abbiamo incontrato in tutto il mondo è incredibilmente umiliante!

La vela ci ha portato una maggiore consapevolezza dello stato del nostro ambiente e della necessità di agire.

Essere in grado di vivere in modo sostenibile è importante per me; mi piace il fatto che abbiamo tutto il necessario a bordo di Delos per vivere fuori dalla rete per mesi. Possiamo produrre la nostra acqua, sfruttare l'energia del sole e del vento, e trasportare o catturare il nostro cibo - tutto con un'impronta di carbonio quasi nulla.

Evitiamo anche di gravare inutilmente sulle comunità che visitiamo perché siamo autosufficienti. Non c'è niente come la sensazione di salpare sapendo che puoi andare ovunque tu voglia, anche dall'altra parte del mondo e portare con te tutte le comodità di casa tua.

E anche se a volte può essere difficile, se c'è un tema centrale che ho visto nei seguaci di Delos, è che Delos li ha aiutati a capire che anche loro sono capaci di liberarsi. Come disse Nelson Mandela, "essere liberi non significa semplicemente liberarsi delle proprie catene, ma vivere in un modo che rispetta e migliora la libertà degli altri".

Ti potrebbe anche piacere:

Categorie: Stile di vitaVela

Brian Trautman

Brian Trautman è il fresco, calmo e raccolto capitano di SV Delos. Un nerd del software nel cuore, ha aperto la strada ai canali di vela di YouTube, fornendo agli spettatori contenuti reali e freschi, ispirando le persone a vivere la loro vita migliore.

3 Commenti

Michel PEYRISSAGUET - Settembre 8, 2020 a 11:02 PM

Une vie vraiment au top qu'elle courage et volonté , un exemple pour notre jeunesse désœuvré , beaucoup trop âgé pour entreprendre , mais émerveiller de votre vie et du bonheur qui vous entour Bon vent et bis a Pépita

Nicholas Caffrey - Agosto 8, 2020 a 3:00 AM

Vi ho osservato per circa due anni. Sono troppo vecchio per provare il vostro modo di vivere. Mi piace la vostra atmosfera. Voglio creare un canale YouTube che la gente voglia guardare. Ho solo il posto che amo come soggetto. Spero di poter fare il 10% della magia che fai tu.

Dave Griffith - Dicembre 10, 2019 a 12:09 AM

Solo per dire grazie ancora per tutti i grandi video ecc. Io e mia moglie abbiamo appena rivisto alcuni dei vostri video di un paio di anni fa e abbiamo versato qualche lacrima mentre guardavamo di nuovo quello del Madagascar, quando il furgone che portava via la vostra troupe si è diretto lungo la strada ed è scomparso. Entrambi abbiamo detto che avremmo voluto abbracciare anche Brady. Tutto il meglio a tutti voi e non vediamo l'ora di vedere la vostra piccola pepita a bordo di Delos. Salute!

Lascia un commento

Segnaposto dell'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano